Oggi è 17/10/2018, 3:14

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Crea il tuo forum GRATIS su GlobalFreeForum.com.



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
  Stampa pagina Precedente | Successivo 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Breve storia della chitarra
MessaggioInviato: 24/02/2010, 23:22 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: 05/06/2009, 19:02
Messaggi: 2227
Località: Rapallo (Ge)
La chitarra ittita Lo strumento
I più recenti studi organologici hanno finalmente messo un po’ d’ordine riguardo le antiche origini degli strumenti moderni. Per quanto riguarda la chitarra, si può affermare con certezza che lo strumento è di derivazione medio-orientale. Gli studiosi evidenziano che nelle antiche lingue locali e nel sanscrito, la parola "Tar" significa invariabilmente "corda" e da qui il "Do-Tar" ed il "Se-Tar" indicano strumenti, rispettivamente a due e a tre corde (esemplari del primo sono ancora usati nel Turkestan). Esiste inoltre un significativo bassorilievo in pietra risalente al XIII secolo a. C., denominato "La chitarra ittita", che raffigura appunto un ittita nell'atto di suonare uno strumento le cui caratteristiche morfologiche (eccetto le dimensioni notevolmente ridotte) sono simili alla chitarra moderna. in questo importante reperto archeologico è rappresentato infatti uno strumento a corde pizzicate, a forma di otto, con manico tastato e con una cassa armonica dal fondo piatto. Con la penetrazione dei costumi (la cultura musicale islamica fu notevolmente influenzata nel Medioevo da quella persiana) è facile seguire l'introduzione in Europa dello strumento al seguito degli arabi e ritrovarlo rappresentato immutato a distanza di secoli nelle "Cantigas de Sancta Maria" (1270 d. C.). E' valsa la pena puntualizzare le caratteristiche originarie della chitarra per capire quali modificazioni essa abbia poi subito nel corso della sua lunga storia. Brevemente, i liutai hanno apportato delle migliorie alla chitarra quasi esclusivamente lungo due direttrici: 1) l'accrescimento dell'esiguo volume sonoro; 2) l'estensione della gamma dei suoni eseguibili al registro grave con l'aggiunta di corde. Per il primo punto, si è lavorato instancabilmente maggiorando in modo apprezzabile le dimensioni della cassa armonica. Per quanto riguarda il secondo punto, l'evoluzione dello strumento è avvenuta schematicamente attraverso le tappe riportate qui di seguito. La chitarra rinascimentale era armata di quattro "cori" (corde di budello appaiate ed accordate all'unisono ed all'ottava). Nella seconda parte del sec. XVI vi si aggiunse il quinto coro al grave. La chitarra così descritta da Juan Bermudo, si qualificherà come "chitarra spagnola" e rimarrà in auge fino allo spegnersi del Settecento. Di fattura raffinata, con notevoli decorazioni proprie dell'epoca barocca, la chitarra incontrò persino il favore di principi e di re, tant'è vero che presso la corte di Luigi XIV v'era regolarmente stipendiato un maestro di chitarra. Sul finire del sec. XVIII, lo strumento abbandonò i raddoppi delle corde ma acquistò una sesta corda al grave e con queste sembianze in un primo tempo fu chiamata "chitarra francese". Lo strumento subì un'ulteriore maggiorazione della cassa armonica, nonché un innalzamento della tastiera rispetto al piano armonico, ad opera del liutaio Antonio Torres, nella seconda metà del sec. XIX. Ma ancor oggi non si è esaurita l'affannosa ricerca di un maggior volume sonoro, compensata in parte dall'uso sempre più frequente di impianti di amplificazione nelle grandi sale da concerto.

La letteratura

Le prime raccolte di composizioni destinate alla chitarra (a quattro cori) vedono la luce quasi contemporaneamente in Spagna, Francia ed Italia, attorno alla metà del sec. XVI. Il repertorio formato da tali musiche comprende: a) Composizioni solistiche originali; b) Trascrizioni di celebri musiche vocali; c) Musiche di derivazione popolare a carattere di danza; d) Brani per voce con accompagnamento di chitarra. Merita spendere qualche parola per la notazione musicale per chitarra di quel periodo. Le composizioni per chitarra, così come quelle per liuto, suo strumento antagonista, non vengono redatte sul pentagramma, bensì in "intavolatura", cioè con un sistema di scrittura che su una pagina o "tavola", rappresenta la tastiera dello strumento in ogni momento dell'esecuzione ed indica il posto che le dita dell'esecutore debbono occupare secondo il valore di tempo indicato in verticale. Questo ingegnoso sistema di notazione è ancor oggi usato per un certo tipo di repertorio destinato a coloro che non sanno "leggere la musica". Nel periodo barocco, se si eccettuano le composizioni degli italiani F. Corbetta, L. Roncalli, G.B. Granata, o dello stesso spagnolo G. Sanz, del francese de Visée (che scrisse tra l'altro una accorata "Tombeau" per la morte del re Luigi XIV), la qualità della musica per chitarra è inversamente proporzionale al favore che lo strumento incontra presso il pubblico. Infatti, buona parte del repertorio, redatto ancora con il sistema dell'intavolatura, è formato da gruppi di danze stilizzate da eseguirsi con le "botte", cioè con accordi battuti ritmicamente in stereotipe sequenze armoniche. Con la nascita dello strumento moderno a sei corde semplici e con l'adozione del sistema di notazione mensurale (quello tuttora in uso), sul finire del Settecento si assiste ad un crescente interesse dei compositori verso la chitarra. Nel 1798-99, Luigi Boccherini compone e adatta 12 Quintetti per quartetto d'archi e chitarra, offrendo un lucido esempio sull'utilizzo dello strumento a pizzico in organici cameristici. E' questa una delle prime opere per chitarra moderna. Nel corso della prima metà del sec. XIX si incrementa notevolmente l'attività concertistica e compositiva soprattutto ad opera di chitarristi italiani. Il napoletano Ferdinando Carulli (1770-1841), autore di un celebre Metodo ancora in uso, si insedia a Parigi, dove si dedica principalmente all'insegnamento. Il pugliese Mauro Giuliani (1781-1829), un altro caposcuola della chitarra moderna, incanta il mondo musicale viennese con le sue virtuosistiche esibizioni e dedica allo strumento importanti pagine solistiche e da camera, componendo tra l'altro tre Concerti per chitarra e orchestra. La chitarra in questo periodo "suona italiano"; Luigi Legnani, Matteo Carcassi, Francesco Molino sono infatti i concertisti emergenti, assieme al geniale Niccolò Paganini (1782-1840), più famoso come violinista, che ci ha lasciato un corpus considerevole di pezzi per chitarra sola, Duetti, Terzetti e Quartetti per archi e chitarra di estrosa bellezza e di notevole importanza. Brilla ancora a Parigi lo spagnolo Fernando Sor (1778-1839) noto a tutti gli studenti di chitarra per i suoi bellissimi e odiatissimi Studi. Sebbene con risultati diversi anche numerosi autori dell'area tedesca si cimentano in questo periodo nella composizione per chitarra poiché era grande la simpatia del pubblico per questo strumento. Basti ricordare che alcuni Lieder di Franz Schubert furono editi dapprima nella versione per voce e chitarra e solo in un secondo momento per voce e pianoforte. Lo stesso Carl Maria von Weber (1786-1826) scrisse alcune raccolte di Lieder con accompagnamento di chitarra. Sebbene i musicologi stiano ancora vagliando i più recenti ritrovamenti di brani per chitarra composti nella seconda metà del sec. XIX, è indubbio affermare che nel periodo romantico c'è comunque una crisi dello strumento la cui causa principale viene concordemente indicata nell'impossibilità della chitarra di competere con i più agguerriti strumenti antagonisti quali il pianoforte, vincente in partenza e per emissione sonora e per agilità, e d'altro canto lo strumento a pizzico è impotente di fronte alla predilezione crescente del pubblico per il repertorio sinfonico. Se a quel tempo nel resto d'Europa la chitarra è pressoché scomparsa dalla vita musicale che conta, in Spagna essa continua a godere dell'attenzione di molti musicisti. Alla scuola del chitarrista Francisco Tarrega (1852-1909), cresce Miguel Llobet, buon didatta ed acclamato concertista. Ma è con Andrés Segovia (1894-1987) che la chitarra si fa conoscere al pubblico mondiale. Segovia, dotato di una tecnica esemplare e di una sensibilità artistica eccezionale, dimostra a coloro che non lo credono, che la chitarra ha una espressività ed una capacità tecnico-musicale pari agli altri strumenti. Da quel momento, compositori di fama quali Heitor Villa-Lobos, di cui ricordiamo i misteriosi Preludi ed i fantasiosi Studi, Mario Castelnuovo-Tedesco, Manuel Maria Ponce, Joaquin Turina e Joaquin Rodrigo, autore quest'ultimo del fortunato "Concierto de Aranjuez", dedicano sempre più energie a scrivere per chitarra, mentre altri autori forse lo avrebbero fatto se, pur dimostrando le proprie simpatie per lo strumento, fossero stati stimolati in tal senso. Prende avvio così un costante interesse di compositori non chitarristi per lo strumento che emette un suono affascinante dalla "…sua nera cisterna di legno" (Federico Garcia Lorca). Chiarificatrice ci sembra quindi questa puntualizzazione del compositore Angelo Gilardino: "Una fondamentale differenza distingue la musica contemporanea per chitarra da quella composta nei secoli precedenti; fino a Manuel de Falla, infatti, furono i chitarristi (in misura quasi esclusiva) a scrivere per il loro strumento, mentre da de Falla in poi la chitarra è divenuta un mezzo comune di espressione per tutti i compositori, indipendentemente dal loro grado di conoscenza diretta dello strumento". Anche in Italia i compositori contemporanei si sono prodigati ad arricchire il repertorio dello strumento: Silvano Bussotti, Franco Donatoni, Goffredo Petrassi, Luciano Berio e tanti altri hanno dedicato già diverse pagine alla chitarra. Così come, ad ulteriore attestazione che lo strumento attraversa oggi un buon momento, ricordiamo con piacere le importanti pagine di autori della nostra regione: da Giulio Viozzi a Pavle Merkù, Giampaolo Coral, Franco Dominutti, Cecilia Seghizzi Campolieti, Marco Sofianopulo, Daniele Zanettovich e Giuseppe Radole che in un fortunato saggio dedicato alla chitarra scrive:"…la chitarra risulta in definitiva uno strumento vivo: entra a far parte degli strumenti che si studiano nei conservatori, dove si preparano nuove generazioni di interpreti, e d'altra parte continua a godere del favore di molti dilettanti, per sostenere il canto popolare o accompagnare la danza".

L'insegnamento

Ma è proprio per l'ottusità di pochi tutori dell'accademismo musicale nel senso più deleterio, che la chitarra in Italia ha dovuto attendere la Legge del 2 maggio 1984, n. 106 (che istituisce nei conservatori di musica la "scuola di chitarra"), per entrare dalla porta principale nella scuola pubblica. Nei decenni precedenti, lo strumento veniva comunque insegnato nei conservatori italiani, ma il corso di studi era "straordinario" e quindi aveva molte limitazioni giuridiche, prima fra tutte l'invalidità dell'attestato finale ai fini dell'insegnamento nelle scuole pubbliche, poi, il limitato numero di cattedre attivate (circa una per conservatorio). Dopo un lungo e faticoso iter legislativo, la chitarra è finalmente trattata alla pari degli altri strumenti: il corso di studi ha infatti analoga durata a quello di pianoforte (10 anni) e prevede gli stessi insegnamenti complementari.

Giulio Chiandetti

_________________
Knopflerite acuta


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron



Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010

Conosci "Ragnarok Online"? Giocaci GRATIS adesso su Infinity 2.0!
CLICCA QUI!


Politica sulla Privacy (Cookie & GDPR)

skymiles v1.0.1 designed by Team -Programming forum-سيارات للبيع .